James Longmann

James Longman di ABC News sul viaggio per il mondo come corrispondente televisivo gay

Lo dice il corrispondente estero della ABC James Longman Travel Gay della sua vita on the road, di come è uscito dal capo omofobo della polizia in Cecenia e di come Damasco in Siria sia il suo posto preferito sulla terra.

Parlando con il nostro caporedattore Darren Burn, James Longman di ABC News ha detto Travel Gay del suo periodo come corrispondente estero, incluso il suo pluripremiato viaggio in Cecenia in cui ha denunciato le atrocità contro i gay mentre si è anche dichiarato gay al capo della polizia cecena. Riflette anche sul suo tempo a Beirut e sulle sfumature dell'essere gay nei luoghi omofobici. Più recentemente, James ha coperto la pandemia COVID-19.

James era in Italia nel marzo 2020, quando dodici città della Lombardia erano bloccate. Ingenuamente, sembravamo tutti pensare che il virus potesse essere contenuto in una regione del Nord Italy. "Ero fermo su un'autostrada, continuavo a vivere Good Morning America. Se superassi la linea sarei in zona rossa e se andassi in zona rossa sarei in quarantena." Chiaramente, il virus altamente trasmissibile si era già diffuso ben oltre la Lombardia.

 

Guarda l'intervista completa

 

Nel maggio 2020, James era in Brasil e l'impatto di COVID era molto più visibile. "Mi trovavo in un cimitero a Manaus, in Amazzonia. Seppellivano le persone una sopra l'altra, non avevano spazio per seppellire tutti i loro corpi. Ho incontrato famiglie che avevano perso sei o sette membri".

James Longman e il suo ragazzo

Foto: James Longman con il suo fidanzato Alex Brannan

James è sempre stato relativamente aperto sull'essere gay. "Non vado ovunque sventolando una bandiera gay, ma se mi cerchi su Instagram vedresti che sono gay". Spera di sposare presto il suo partner di lunga data Alex, anche se ha detto che i loro piani originali per un matrimonio Mykonos probabilmente non andrà avanti a causa del costo. "Ho capito che dovrei vendere un rene per sposarmi a Mykonos!"

Le esperienze di James in Cecenia sono abbastanza ben documentate. La persecuzione dei gay sotto il presidente Ramzan Kadyrov ha sconvolto il mondo. Non è così facile entrare in Cecenia, ma era determinato a coprire la storia. Quando è riuscito a ottenere l'accesso al paese, le cose si sono surriscaldate molto rapidamente. "Abbiamo incontrato il capo delle forze di polizia che è sotto le sanzioni del governo degli Stati Uniti. Ha una forza di circa diecimila uomini che si dice abbiano compiuto atti di tortura [contro uomini gay]. Siamo andati nella sua prigione una notte il periferia di Grozny."

"Stiamo guidando per circa 40 minuti verso questa prigione. Non ero sicuro che fosse un'idea brillante." James ci ha detto che il capo della polizia era pieno di spavalderia e aveva i suoi uomini allineati fuori con le pistole. Alla domanda sulla persecuzione delle persone LGBT+, il capo della polizia ha detto: "Non abbiamo gay in Cecenia". Questa è la linea del governo: Kadyrov ha detto la stessa cosa molte volte.

James si ritrovò a essere mostrato in una cella dal capo della polizia. "Se avessero trattenuto persone gay, avrebbero potuto benissimo tenerle in questa cella prima o poi. Non avevo intenzione di dire a nessuno che ero gay. Non volevo mettermi in pericolo. Non dovresti fare davvero [la storia] su di te comunque. Ma in quel momento, ho deciso di dirglielo perché potevo sentire che gli piacevo come persona ".

"Gli ci è voluto un po' per registrarsi attraverso il traduttore e poi è scoppiato a ridere. Ero terrorizzata. Il mio cuore batteva così forte che istintivamente ho preso la sua mano e l'ho messa sul mio petto. Quindi ho avuto questo momento stranamente intimo con la polizia cecena... toccandomi il petto in una cella a Grozny." Quella notte, James dormì con una sedia contro la porta della sua camera d'albergo. Il giorno dopo tornarono subito a Mosca.

James Longman in Cecenia

Foto: James Longman in Cecenia

Come corrispondente estero, James si è trovato in molti luoghi estremi. Era il corrispondente da Beirut della BBC e copriva la guerra in Siria per la ABC. Il Medio Oriente è una parte del mondo da cui è attratto da tempo: si è laureato in arabo. La laurea lo ha portato a vivere in Siria: Damasco è diventata la sua città preferita.

Abbiamo detto a James che non molte persone avrebbero voluto Damasco in cima alla lista, e lui ha risposto: "Penso che la gente della nostra generazione consideri posti come l'Iraq o l'Afghanistan [come pericolosi] perché tutto quello che hai conosciuto per la maggior parte della tua la vita cosciente è che c'è la guerra."

 

Ascolta come un podcast

 

Ascolta su podcast Apple Ascolta su Google Podcast Ascolta su Spotify

https://open.spotify.com/episode/098fijnEXHDHszndaJyqLV?si=45eTjDXjQPOW9cdljUhCTA

 

Ma se prendi il tempo penso che scoprirai che Damasco è uno dei posti più straordinari. È una delle più antiche città abitate ininterrottamente sulla terra. Ha praticamente ogni singola civiltà che ha camminato sul pianeta [lasciando un] segno in qualche modo in quella città. È fantastico."

Come omosessuale, è chiaramente difficile vivere in un paese che criminalizza l'omosessualità. Detto questo, è molto più facile da straniero, dice James. In molti paesi, le leggi sull'omofobia rimangono nei libri di legge ma raramente vengono attuate. I cittadini stranieri hanno il vantaggio di poter partire in qualsiasi momento. Chiaramente, se trascorri tutta la tua vita in un paese omofobo, non puoi davvero nasconderti a meno che non reprimi la tua identità.

James Longmann

James ha dichiarato: "Ho portato Alex, il mio ragazzo, a Beirut un paio d'anni fa. Gli è piaciuto moltissimo, ma non c'è modo che io me ne stia all'angolo di una strada a toccargli il culo o a leccargli la faccia." Legando questo con la sua esperienza a Grozny e il poliziotto ceceno: "Se incontrandolo, in qualche in un piccolo modo ho cambiato la sua percezione di cosa significhi essere una persona gay, chissà! Tra cinque o sei anni, forse ricorderà quel giornalista a caso che diceva di essere gay. Si tratta di dare l'esempio piuttosto che forzare qualcosa".

E James sta facendo proprio questo. Nel suo lavoro deve visitare alcuni dei luoghi più pericolosi del mondo e riconosce che essere gay in quei luoghi può essere complicato per la gente del posto. Il suo consiglio per coloro che sanno di essere gay ma sono bloccati a vivere in alcuni di questi paesi?

"La sicurezza prima di tutto, ma spesso Internet è tuo amico. Raggiungi le persone online perché nella mia esperienza è questa comunità online che aiuta le persone in modo incommensurabile. Trova persone online e fai amicizia. Le possibilità sono infinite quando lo fai."

Segui James Longman su Instagram.

PARTECIPA AL Travel Gay Newsletter

Altre notizie, interviste e servizi sui viaggi gay

I migliori tour a Beirut

Sfoglia una selezione di tour a Beirut dei nostri partner con cancellazione gratuita 24 ore prima dell'inizio del tour.

Il migliori esperienze in Beirut per il tuo viaggioOttieni la tua guida

Prenota un Travel Gay Hotel approvato