Leonard Fink: fotografare Christopher Street

Leonard Fink: fotografare Christopher Street

Leonard Fink era un fotografo LGBT + e il "sindaco non ufficiale di Christopher Street".

Charley siede su un tavolo da biliardo, i suoi capelli sono perfettamente pettinati all'indietro e la sua posa è volutamente informale. In una mano stringe una birra e nell'altra una giacca di pelle. Il fascio di luce che entra dalla finestra lo separa dal bar affollato e nonostante quanto sia aperto il locale al mondo esterno, le pareti sono decorate con arte erotica e insegne in pelle. Palloncini sparsi pendono dal soffitto, suggerendo che una festa è appena finita o è imminente. Questo è Charley dentro Ramrod; una delle migliaia di fotografie scattate da Leonard Fink, nativo di Christopher Street, che documentano la vita quotidiana degli individui queer che vivevano a New York negli anni '1960 e '70.

Nelle settimane e nei mesi successivi alle rivolte di Stonewall, Christopher Street era un alveare di attivismo radicale. Ispirati dagli eventi del 28 giugno 1969 persone queer da tutta New York erano scese in piazza; organizzazione, campagna elettorale e protesta. Durante questo periodo si formarono gruppi come The Gay Liberation Front e l'attivismo di base divenne sempre più militante. Era chiaro, le persone Queer ne avevano abbastanza.

Coloro che chiedevano l'uguaglianza non l'hanno mai capito con immediatezza e le incursioni nei bar e nei club gay di New York City sono continuate molto tempo dopo gli eventi al Stonewall Inn. Ma c'è stato un cambiamento, le persone prestavano attenzione e questo ha lasciato il posto a una forma più ovvia di ribellione; un anno dopo, nell'anniversario delle rivolte di Stonewall, New York ha visto la prima marcia del gay pride nella storia degli Stati Uniti.

Tuttavia, in un periodo in cui la brutalità della polizia, la discriminazione sul posto di lavoro e l'omicidio erano minacce sempre presenti per le persone queer, molte delle fotografie che documentano questo periodo mostrano una realtà dura, triste e difficile per coloro che vivono ai margini della società.

Guarda la prima del nuovo stimolante documentario sulla conservazione del Travel Gay Newsletter

Il Stonewall Inn

Leonard Fink ha lavorato per il dipartimento dei trasporti della città, era un appassionato fotografo amatoriale e ha scelto di spendere gran parte del suo reddito in forniture fotografiche. Ha vissuto nel West Village ed era un personaggio ben noto e vivace, spesso visto indossare pattini a rotelle e pantaloncini tagliati, sempre con una macchina fotografica al collo. La sua fotografia, tuttavia, era una passione privata, Fink non ha mai mostrato le sue fotografie e ha dato solo una manciata di stampe a un gruppo selezionato di amici.

La bellezza delle immagini di Fink deriva dal fatto che non era un estraneo. La sua intenzione non era quella di fotografare il "squallido" e il "salace", faceva parte della comunità del West Village, guadagnandosi anche il soprannome di "sindaco non ufficiale di Christopher Street". L'autenticità delle fotografie di Fink è sorprendentemente chiara. Mostrano uomini che si baciano, marciano, prendono il sole e ballano. A differenza della maggior parte dell'arte e della fotografia che catturano quest'epoca, gli uomini nelle immagini di Leonard Fink non sono oppressi e in difficoltà.

Gran parte del lavoro di Fink si è concentrato sui moli di West Street, una popolare area di crociere e sociale per la comunità queer. Le fotografie altamente esposte mostrano moli pieni di corpi maschili, sdraiati e seduti in una conversazione casuale. Altri raffigurano le persone caute che tentano di navigare in un clima di intrappolamento e molestie da parte della polizia. Facendo parte della comunità che stava fotografando e concentrando il suo lavoro intorno a un'area che simboleggiava la sua esperienza queer post-muro di pietra, Fink ha ritratto la mondanità della vita quotidiana per coloro che sono al centro del movimento di liberazione gay. Riuscendo anche a catturare momenti di gioia ed estasi.

Fink morì nel 1993 per complicazioni legate all'AIDS, non avendo mai mostrato le sue fotografie e il suo talento artistico rimanendo in gran parte sconosciuto. Nel 2021 il Centro comunitario per lesbiche, gay, bisessuali e transgender ha raccolto molti dei suoi pezzi insieme a informazioni e contesto attorno alle fotografie per una mostra online che immortalerà il ritratto unico e autentico della vita di Fink durante il movimento di liberazione gay. Fink ha catturato ciò che la maggior parte degli altri non ha fatto. La sua posizione al centro di uno dei più rapidi cambiamenti sociali della storia degli Stati Uniti ha creato un portfolio di immagini che raccontano una storia più profonda e più umana delle persone che avrebbero rivoluzionato la lotta per i diritti LGBTQ +.


Pubblicato: 08 febbraio 2021 da George Pizani | Ultimo aggiornamento: 08-feb-2021
On: New York gay


Tour ed esperienze di New York City

Sfoglia la nostra selezione selezionata di tour a New York City dai nostri partner con cancellazione gratuita 24 ore prima dell'inizio del tour.


Hotel consigliati a New York City